Home Didattica musicale Propedeutica musicale

Propedeutica musicale

Lingua italiana English language

Metodologia del corso di Propedeutica musicale

L’obiettivo principale di questo corso di propedeutica musicale per la scuola d’infanzia è lo sviluppo della percezione uditiva che è il cardine dell’esperienza musicale e su cui è basata la metodologia del corso stesso.
La complessità dell’attuale mondo dei suoni può, per un bambino, trasformarsi in un “caos sonoro”, che ne penalizza l’attenzione e l’interesse, con il rischio di una ricezione passiva.
Il periodo dai tre ai sei anni è ideale per iniziare l’educazione alla musica, il cui linguaggio, appreso attraverso lo sviluppo naturale dei tre sensi (udito-vista-tatto), è assorbito naturalmente dalla mente del bambino. Questo corso si ripropone di far conoscere il linguaggio musicale in maniera attiva, concreta e sensoriale attraverso l’esperienza personale del bambino stesso, stimolando il suo corpo che è il primo e più prezioso strumento conoscitivo, per materializzare i parametri astratti della musica.

Ogni lezione si articola in tre passaggi fluenti tra loro:

  1. La pratica del canto, strumento pedagogico fondamentale, che sviluppa capacità linguistiche, creative e fa acquistare dimestichezza con le strutture del linguaggio musicale; la voce è lo strumento più naturale che permette di vivere attivamente l’esperienza musicale e sviluppare l’orecchio. Si imparano inizialmente canti, attraverso l’ascolto degli stessi dalla voce dell’insegnante, di tradizione popolare con una struttura melodico- ritmico semplice e ripetitiva con piccole variazioni, questo aiuta l’intonazione corretta di poche note e la memorizzazione di varie filastrocche. Uso degli strumentini a percussione per scandire le pulsazioni di ogni canzone attraverso anche l’uso di giochi di movimento così da evidenziare i momenti ritmici veloci da quelli lenti o di suono da quelli di silenzio e acquisire la capacità di utilizzazione dello spazio sviluppando così la coordinazione dei movimenti.
  2. La pratica e l’ascolto di uno strumento ad ogni lezione, flauto, xilofono, pianoforte. Si prende coscienza delle emozioni che provoca l’utilizzo e l’ascolto di uno strumento musicale. Distinzione tra i suoni acuti e gravi. Ascolto di brani musicali strumentali, tratti dal repertorio classico vissuti attraverso le sensazioni fisiche di ogni bambino, o melodie che vogliono rappresentare nell’immaginazione suoni di animali o personaggi, distinzione tra il “forte e il piano”. Si impara inoltre il riconoscimento dei vari timbri strumentali.
  3. Inizio della notazione musicale attraverso i colori, disegni e favole sulle note musicali e la relativa associazione nota-suono.

Voce-musica, suono-musica, movimento-musica, notazione-musica sono alcuni rapporti che incominciano a far parte della esperienza formativa del bambino, grazie alla quale ha inizio il “il pensiero musicale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Propedeutica musicale

Metodologia del corso di Propedeutica musicale L’obiettivo principale di questo corso di propedeutica musicale per la scuola d’infanzia è lo sviluppo della percezione uditiva...

Insegnamento con il Metodo Kodaly

Metodo Kodaly (1882-1967) Ungheria. Questo metodo, pur essendo un modello ungherese che riflette la propria cultura musicale diversa dalla nostra, ci dona numerosi spunti validi...

Laboratorio di vocalità espressiva, un “luogo d’arte”

Apprendere elementi musicali attraverso il canto nella scuola primaria. Insegnare la musica attraverso l’uso della voce, concertando in coro, è un valido metodo...

I bambini «scoprono» la Tosca

24/05/2014 I bambini «scoprono» l’opera. È la sintesi della mattinata trascorsa al Teatro Nazionale di Roma, dove gli alunni delle terze, quarte e...

The Secret to Your Company’s Financial Health is Very Important

A coffee break in the United States and elsewhere is a short mid-morning rest period granted to employees in business and industry. An afternoon...